fabriano

E' TEMPO DI INIZIARE LE TUE AVVENTURE

CLICCA la tua avventura, SCOPRI di cosa si tratta e VIVILA!

Raccolta in una piccola valle sul versante orientale dell’Appennino Centrale a cavallo tra Marche ed Umbria, la cittadina marchigiana si fa spazio tra i pendii del Monte Catria e del San Vicino. Il suo territorio, attraversato dal torrente Giano, fu, sin dall’epoca romana, ricco di fiorenti attività favorite dall’energia fornita dal fiume, come la lavorazione del ferro –a cui si richiama lo stemma del Comune – e la rinomata produzione della carta.

Un dedalo di vicoli e viuzze conduce il visitatore tra scorci suggestivi e tesori d’arte. La scenografica Piazza del Comune accoglie i più importanti palazzi cittadini come quello del Podestà, che, con la sua facciata in pietra bianca, costituisce uno dei più alti esempi di stile gotico nelle Marche, ed il Loggiato di San Francesco, le cui 19 imponenti arcate donano al complesso uno straordinario effetto prospettico.

Patria del Maestro del Gotico Internazionale, Gentile da Fabriano, la piccola cittadina nell’entroterra appenninico ha dato i natali anche ad importanti autori nello scenario artistico contemporaneo: Edgardo Mannucci, Giuseppe Uncini e Guelfo Bianchini. Imprescindibili una tappa al Museo della Carta e della Filigrana e al Museo dell’Acquerello, unici al mondo nel loro genere.

Torna su